Vittoria e Giorgio

Vittoria Haziel

Pseudonimo di Maria Consolata Corti, pisana di nascita, romana di adozione, torinese per predestinazione.

Nasce a Pisa da madre torinese e padre toscano, funzionario di polizia, in seguito fondatore e direttore del Centro Elettronico  della Polizia Italiana di Castro Pretorio, a Roma, dove spesso si reca a studiare, per via della vicina sede universitaria “La Sapienza” dove si laurea in giurisprudenza.

Si sposa per la prima volta con Pasquale Diofebbo, dal quale nasce il primogenito Massimiliano. Il secondo figlio Leonardo nasce dall’unione decennale con il musicista Luciano Patrignani, prima viola del Teatro Regio di Torino.

In seconde nozze nel 1998 sposa Giorgio De Rienzo, letterato e linguista con il quale vive circa tredici anni di sodalizio artistico-sentimentale fino alla morte del marito, nel 2011.

Giorgio De Rienzo

Allievo di Giovanni Getto, si laurea nel 1965 all’Università di Torino con una tesi dal titolo Fogazzaro e l’esperienza della realtà. Consegue nell’ateneo torinese la libera docenza in Letteratura italiana moderna e contemporanea nel 1971. Da allora ha intrapreso una lunga carriera di docente universitario, interrotta con le dimissioni rassegnate nel 2000. Sposato in seconde nozze con Maria Consolata Corti (nota con lo pseudonimo di Vittoria Haziel), ha avuto due figli dal matrimonio precedente.

Studioso della letteratura italiana dell’Ottocento e del Novecento, ha prodotto numerosi lavori sui massimi scrittori del periodo. De Rienzo fondò presso l’Università di Torino il Centro di Studi di Letteratura Italiana in Piemonte “Guido Gozzano – Cesare Pavese”. Per anni diresse il Centro di studi “Franco Falletti” con sede a Vercelli, svolgendo ricerche di lessicografia e di linguistica computazionale, per il trattamento di concordanze. Tra le varie opere pubblicate vi sono i cinque volumi delle Concordanze dei Promessi sposi. Ha dedicato i suoi anni di studio in particolare alle opere di Alessandro ManzoniGuido Gozzano e Carlo Collodi.